OldDroid (1): come riutilizzare un vecchio Android – AirPlay

Il Natale è passato e immagino che Babbo Geek Nasale sia stato certamente donatore di doni regali (cit.), e molti di voi si saranno trovati tra le mani un nuovo smartphone, chessò, l’ultimo Razor, un iPhone 4S, il nuovissimo LG LaQualunque. Quello che volete, insomma, e il vostro vecchio (ma nemmeno troppo) terminale Android è destinato a finire nel cestino o in regalo al fratello minore. O forse no? C’è un modo per rendere ancora utile il vecchio googlefonino? Sì, diversi. Nella rubrica OldDroid (oggi inaugurata) ne illustrerò alcuni. I suggerimenti sono sempre ben accetti. Bando alle ciance, ecco il primo modo per rendere ancora utile il vecchio droide.

Rendere AirPlay compatibile qualunque sistema stereo.

Come tutti voi saprete, le ultime versioni di iTunes includono una tecnologia chiamata AirPlay: trattasi, volgarmente, di streaming audio sul network WiFi domestico dal vostro Mac o PC con iTunes ad una Apple TV o ad un impianto stereo compatibile o ad un set di altoparlanti connessi ad una base Airport. Ma, mettiamo il caso che voi non abbiate una AppleTV e nemmeno un costosissimo impianto stereo con connessione WiFi, ma in salotto vi ritrovate un vetusto AKAI FD-3L, col piatto per i vinili, con l’ingesso AUX e quel suo suono limpido e profondo. Mettiamo anche il caso che vi siate comprati un banalissimo cavo AUX IN/OUT che da un lato ha il classico jack delle cuffie, dall’altro qualunque cosa entri nell’ingresso AUX del vostro stereo in salotto. Quindi, ricapitolando, vi trovate con:

  • un computer con iTunes da qualche parte nella casa, ad esempio in camera vostra.
  • un router WiFi di qualsivoglia marca
  • un impianto stereo qualunque dotato di ingresso AUX e relativo cavo, posto ad esempio in salotto
  • un vecchio terminale Android

Perfetto. E’ bene ricordare che il vostro cellulare Android funzionerà anche senza SIM, purché connesso ad internet tramite WiFi. Ora vi basterà acquistare AirBubble sul Market android (1,49 €) ed installarlo sul vecchio smartphone. In questo modo il cellulare diventerà un client AirPlay in grado di ricevere lo streaming audio da iTunes. Una volta installato AirBubble sul cellulare, fatelo partire, collegate il cavo AUX all’uscita delle cuffie del cellulare e all’ingresso AUX dello stereo e assicuratevi di essere connessi sullo stesso network del computer con iTunes. 

In iTunes vedrete comparire il vostro dispositivo Android tra gli altoparlanti disponibili (icona in basso a destra, un rettangolo con triangolino sotto) e potrete iniziare a riprodurre la musica del computer in altre stanze tramite il vostro network domestico.

Se volete proprio fare gli strafighi, installate Remote for iTunes (3,99 €) sul vostro nuovo cellulare Android (e se volete anche su quello vecchio, tanto i soldi li spendete una volta sola, basta usare sempre lo stesso account Google su tutti i dispositivi), così potrete comandare da remoto via wireless la riproduzione dei brani e la scelta degli altoparlanti. Se avete più smartphone Android a vostra disposizione potrete diffondere la vostra musica ovunque nella vostra casa.

Ok, per oggi è tutto. Questo tracobbetto (cit.) era molto semplice da realizzare. La rubrica OldDroid tornerà in tempo per l’epifania con un trucchetto che vi consentirà di beccare la Befana anche se vi trovate fuori casa.

‘nuff said