uTorrent per mac: deja vu

L’altro giorno navigavo su Demonoid e mi sono imbattutto in questo:

zitto zitto scarico, provo, mi faccio un’idea. Ma non posto nulla: sia mai che io dia uno sgoop per primo! Fedele all’anima del blog, mi accingo, ovviamene in ritardo, a dirvi la mia sul software in questione… 😉

uTorrent è, forse (dico forse, non avendolo mai provato sul serio) il miglior client torrent per Windows. Per questo molti switcher sperano che arrivi una versione per Mac di uTorrent. Però forse dimenticano che il “miglior client torrent per Windows” non è detto che diventi il miglior client torrent per Mac. Comunque un po’ di concorrenza non guasta mai, anzi.
BitTorrent è da molto che dice di voler sviluppare una versione per mac di questo famoso sofware, e ora è forse finalmente giunto il momento: qualche giorno fa è appunto “sfuggita”una primitivissima versione alfa del software in questione.
Nonostante sia una versione molto acerba, il software funziona, anche se per adesso la funzione di ricerca torrent non va. Ad un primo sguardo l’applicazione mostra un’interfaccia che sa di già visto:

cioè un misto tra Transmission (in particolare le icone, identiche o quasi):

e Xtorrent (stessa impostazione a colonne, più o meno la stessa di iTunes, Mail, ecc..):
Anche come funzionalità siamo lì, a parte la ricerca integrata (che però ha anche Xtorrent), non sembra esserci nulla di nuovo da segnalare. Ah sì: nel mio caso uTorrent segnala una velocità di download diversa da zero anche quando non sto scaricando nulla! :-O
Per ora nella versione Mac di uTorrent non sembra presente la funzionalità Web UI che permette di controllare il client da un computer remoto tramite web, mentre invece è presente in Tranmsission, che nell’ultima release integra le funzioni prima delegate a Clutch, benché ancora in fase di beta:

Ok, siamo ancora all’inizio, la strada è ancora lunga, il software non può che migliorare. Però, secondo la mia opinione, meglio della semplicità e leggerezza di Transmission ad oggi non c’è nulla, cosa che anche gli utenti Linux possono sperimentare con mano, anche perché è da un po’ che Canonical ha inserito Transmission come client “ufficiale” in Ubuntu! 😉

Come dico di solito in questi casi, ai poster l’hardware tendenza: per ora sospendo il giudizio, è troppo presto per sbilanciarsi. Certo è che ora la comunità dietro Transmission dovrà cominciare a prepararsi se vorrà mantenere l’attuale status quo… e questo non può che giovare a noi utenti! 🙂

’nuff said