Non è ancora finita!

Non è possibile! Quando finalmente pensavo che fosse tutto finito, ecco che ricomincia! Come scrisse Lorenzo Cherubini: “Non è ancora finita, ce n’è ancora un cifra!”. A cosa mi riferisco? All’incontrollato fluire di rumors, indiscrezioni, anticipazioni, congetture e macumbe attorno all’iPhone! Pensavo che tutto si fosse esaurito con la presentazione ufficiale dell’iPone ieri al Keynote, ma non è così! Perché in effetti il prodotto è stato accennato, più che presentato, sono state mostrate alcune funzioni, dette a grandi linee le caratteristiche generali, ma niente di più! E la fervida mente dei geek mondiali si è rifugiata in queste zone d’ombra, scavando trincee da cui si danno battaglia, gli Scettici contro gli Entusiasti, con una buona dose di Sensazionalisti in entrambe le squadre. Perché in effetti sarebbero tante le motivazioni per dire “è impossibile che sia tutto qui” (è spiegato tutto bene in questo post di Melamorsicata), ma sinceramente io sono arrivato a saturazione… come scrisse il grande Rino Gaetano: “Nun te reggae più!”.
Ecco quindi un breve “tutorial” per sopravvivere serenamente a questo ulteriore periodo di iper-informazione:

  • Evitare il più possibile di leggere articoli, mail, post, sms, e bigliettini dei cioccolatini contenenti la parola “iPhone” o sue varianti
  • Se vi capitasse di leggere un articolo sull’iPod ricordatevi di anteporre ad ogni affermazione la parola “Forse” o “Magari” o al massimo “Probabilmente” e di coniugare tutti i verbi al condizionale, poiché tutte le affermazioni che potrete leggere rimarranno sempre e comunque nel campo delle congetture, almeno fino a giugno (quando avverrà la vera e propria “epifania” di questo benedetto iPhone)
  • Cominciate a risparmiare: mettete da parte 50 euro al mese, a cominciare da oggi, così a gennaio 2008 avrete accumulato 600 eurozzi, sufficienti a farvi comprare il modello top gamma dell’iPhone. Se al momento dell’uscita in commercio negli USA (a giugno) le cose dovessero andare male, avrete comunque risparmiato 300 euro da destinare a progetti alternativi (una bella vacanza!!). E comunque, come disse Paperon de’ Paperoni (meglio noto come Zio Paperone), “un soldo risparmiato è un soldo guadagnato!”.

’nuff said

Technorati Tags :